Fabri Fibra in Vip In Trip, Controcultura (2010)

Più vuoi e meno avrai, più dai e meno prendi
Prima lo si impara, poi "Pa pa para para pa pa para"
Più sogni e meno fai, più fai e meno sogni
Prima lo si impara, poi "Pa pa para para pa pa para"
Rapper italiani che "Perepè qua qua, qua qua perepè"
Politici italiani che "Perepè qua qua, qua qua perepè"
________________________________________________________________

PROPOSTE di RIFORME STRUTTURALI per l'ITALIA

1) Legge contro i conflitti di interessi del Premier vs Riforma giustizia.

2) Legge Anticorruzione per garantire legalità in Parlamento vs Lodo Alfano.

3) Nuova Legge Elettorale e ritorno alle preferenze per la scelta dei candidati.

4) Incentivare le aziende a produrre in Italia invece di delocalizzare all'estero.

5) Incentivare gli investimenti esteri in Italia.

6) Banda Larga e Wifi Libero vs Grandi Opere (Tav e Ponte sullo stretto).

7) Ricerca e Incentivi pubblici per le Energie Rinnovabili vs Centrali nucleari.

8) Liberalizzazione effettiva dei servizi pubblici (trasporti, energie, telecomunicazioni, ecc..).

9) Maggiori contributi statali alle Università Pubbliche.

10) Creazione di Centri di Eccellenza per la Ricerca Scientifica di Base con incentivi per i finanziamenti privati.

_______________________________________________________________________________________

Il nostro bel paese!

Media largamente controllati dal nuovo Duce; magistratura sotto attacco; organi di garanzia, a cominciare dalla stessa Presidenza della Repubblica per passare dall'Agicom, intimiditi; università private di fondi e sottoposte a uno scandaloso bombardamento denigratorio ... le cupe prospettive di un paese sull'orlo della dittatura!!!
Questo NON è il quadro politico di un paese sudamericano, ma è la situazione attuale della nostra Italia!!!
Nel nostro bel paese si sta a poco consolidando un nuovo regime autoritario che si sta consolidando attraverso
il raggiugimento dei seguenti obiettivi:
1) la concentrazione del potere nelle mani di una sola personalità politica, cioè quella del premier;
2) la verticalizzazione del potere che si sta seminando anche per la stagione del post Berlusconi;
3) il lavoro che si sta compiendo per arrivare ad un Capo dello Stato eletto dal popolo e ad un Parlamento ratificatore dei voleri della maggioranza;
4) l'eliminazione dei contrappesi costituzionali;
5) continuo ricorso dal governo alla Fiducia per la votazione delle Leggi alla Camera e al Senato con la conseguente rinuncia al dibattito e al confronto parlamentare con l'opposizione
6) la distruzione dell'indipendenza della magistratura e la modifica della Corte costituzionale perché sia sempre più politicizzata, come del resto il Csm;
7) il controllo quasi integrale dei mezzi di comunicazione e applicazione della censura sui talk-show ritenuti "dannosi" per il premier.
8) privatizzazione di tutto ciò che è rimasto di pubblico: la difesa e la sicurezza del Paese, l'acqua, la protezione civile e soprattutto il saper.
______________________________________________________________________

domenica 18 aprile 2010

Io sto con Emergency

Ieri in Piazza San Giovanni a Roma hanno manifestao 50mila persone secondo e in questi giorni su Facebook tramite la pagina ufficiale di Emrgency (http://www.facebook.com/emergency.ong con 237.000 fan) e la pagina "Io sto con Emergency"
(http://www.facebook.com/pages/Io-sto-con-Emergency/116463131699656 con 166.000 fan) ancora più persone e cittadini hanno voluto far sentire la propria presenza manifestando via web la propria solidarietà verso l'organizzazione umanitaria di Gino Strada sentendoni anche loro minacciati da questi politici che mal sopportano o che addirittura ostacolano le Ong nelle sistuazioni di guerra.
Inutile aggiungere che l'operazione di polizia militare che ha portato all'arresto dei tre operatori italiani e di altri 6 afgani che lavoravano nell'ospedale in Afghanistan è quanto meno dubbia e l'arresto è più assimilabile ad un vero e proprio rapimento in quanto alle 9 persone arrestare per i primi giorni non è stato possibile parlare né con i propri avvocati nè con i propri familiari e nè è stata formulata un'accusa ufficiale che possa giustificare il fermo.
Inoltre, come spiegato da Gino Strada giovedì alla trasmissione di Annozero, l'operazione che ha portato al rinvenimento delle armi nell'ospedale dove lavoravano i 9 operatori non è stata affatto trasparente in quanto l'ospedale era stato fatto evacuare completamente dalle forze militari prima queste potessero effettuare la perquisizione che ha portato alla scoperta delle armi.
Queste circostanze portano a sollevare dubbi sul fatto che l'Ong di Gino Strada sia stata utilizzata politicamente per allontanare persone scomode in un'area dove le forze militari vogliano operare senza alcun tipo di testimone.

Il fondatore della Ong ha poi fatto il punto sulle trattative diplomatiche in corso per liberare i tre italiani e ha annunciato che l'inviato speciale del Segretario delle Nazioni Unite per l'Afghanistan ha intenzione di collaborare per ottenerne il rilascio.

Le parole pronunciate sul palco di Piazza San Giovanni da Gino Strada, Fondatore di Emergency: "Perché la violenza contro di noi?
E' un atto di profonda inciviltà, usare violenza contro Emergency e il suo personale,
contro un ospedale, i pazienti.
C'è gente che ha percorso oltre 600 chilometri per raggiungerci a Kabul.
Ora l'ospedale è chiuso ma la popolazione ne ha bisogno.
Questa è inciviltà totale, profonda. Emergency ha subìto violenza anche in Italia.
Ma non smettiamo di dire quello che la politica ha scordato di dire.
E' o non è un problema la guerra? Come farla sparire è un problema che dobbiamo porci.
Sono stufo di ricevere insulti da chi non si sforza neanche a pensare.
Politici e pseudogiornalisti hanno lanciato calunnie. Perché ci trattano così?
Perché pensano che siamo nella parte avversa alla loro ma noi non siamo da nessuna parte, siamo solo contro l'idea di ammazzare altre persone
".

Le parole di ieri di Cecilia Strada, Presidente di Emregency
"Li vogliamo liberi subito. Ma devono tornare liberi e innocenti.
Non accetteremo che resti la minima ombra sul loro operato.
Non deve passare il messaggio che sono stati cacciati dall’Afghanistan o che c’è stata una soluzione politica, non deve restare la minima ombra. Devono tornare liberi e innocenti.
La vera forza di Emergency sono i cittadini.
Non avevamo dubbi che saremmo stati sommersi da cittadini che non sono ignoranti o stupidi, che non si fanno infinocchiare da ciò che leggono sui giornali ma hanno le loro opinioni
".

Nessun commento:

Posta un commento