Fabri Fibra in Vip In Trip, Controcultura (2010)

Più vuoi e meno avrai, più dai e meno prendi
Prima lo si impara, poi "Pa pa para para pa pa para"
Più sogni e meno fai, più fai e meno sogni
Prima lo si impara, poi "Pa pa para para pa pa para"
Rapper italiani che "Perepè qua qua, qua qua perepè"
Politici italiani che "Perepè qua qua, qua qua perepè"
________________________________________________________________

PROPOSTE di RIFORME STRUTTURALI per l'ITALIA

1) Legge contro i conflitti di interessi del Premier vs Riforma giustizia.

2) Legge Anticorruzione per garantire legalità in Parlamento vs Lodo Alfano.

3) Nuova Legge Elettorale e ritorno alle preferenze per la scelta dei candidati.

4) Incentivare le aziende a produrre in Italia invece di delocalizzare all'estero.

5) Incentivare gli investimenti esteri in Italia.

6) Banda Larga e Wifi Libero vs Grandi Opere (Tav e Ponte sullo stretto).

7) Ricerca e Incentivi pubblici per le Energie Rinnovabili vs Centrali nucleari.

8) Liberalizzazione effettiva dei servizi pubblici (trasporti, energie, telecomunicazioni, ecc..).

9) Maggiori contributi statali alle Università Pubbliche.

10) Creazione di Centri di Eccellenza per la Ricerca Scientifica di Base con incentivi per i finanziamenti privati.

_______________________________________________________________________________________

Il nostro bel paese!

Media largamente controllati dal nuovo Duce; magistratura sotto attacco; organi di garanzia, a cominciare dalla stessa Presidenza della Repubblica per passare dall'Agicom, intimiditi; università private di fondi e sottoposte a uno scandaloso bombardamento denigratorio ... le cupe prospettive di un paese sull'orlo della dittatura!!!
Questo NON è il quadro politico di un paese sudamericano, ma è la situazione attuale della nostra Italia!!!
Nel nostro bel paese si sta a poco consolidando un nuovo regime autoritario che si sta consolidando attraverso
il raggiugimento dei seguenti obiettivi:
1) la concentrazione del potere nelle mani di una sola personalità politica, cioè quella del premier;
2) la verticalizzazione del potere che si sta seminando anche per la stagione del post Berlusconi;
3) il lavoro che si sta compiendo per arrivare ad un Capo dello Stato eletto dal popolo e ad un Parlamento ratificatore dei voleri della maggioranza;
4) l'eliminazione dei contrappesi costituzionali;
5) continuo ricorso dal governo alla Fiducia per la votazione delle Leggi alla Camera e al Senato con la conseguente rinuncia al dibattito e al confronto parlamentare con l'opposizione
6) la distruzione dell'indipendenza della magistratura e la modifica della Corte costituzionale perché sia sempre più politicizzata, come del resto il Csm;
7) il controllo quasi integrale dei mezzi di comunicazione e applicazione della censura sui talk-show ritenuti "dannosi" per il premier.
8) privatizzazione di tutto ciò che è rimasto di pubblico: la difesa e la sicurezza del Paese, l'acqua, la protezione civile e soprattutto il saper.
______________________________________________________________________

domenica 10 ottobre 2010

Guerra o Missione di Pace in Afghanistan

Prima di tutto una doverosa premessa.
Voglio innazitutto dimostrare il mio più sentito cordoglio per tutti i 34 militari italiani che hanno perso la vita in Afghanistan e fare le più sentite condoglianze alle famiglie dei soldati caduti in missione!
Onore a tutti i militari italiani che svolgono ogni giorno il loro lavoro tra rischi di ogni genere e sacrificando la loro vita per il bene del paese e delle proprie famiglie!

Guerra in Afghanistan o Missione di Pace in Afghanistan?
Che differenza fa?
Sta di fatto che la Missione dell'Onu sta dimostrando tutto il suo più totale fallimento!
Dopo 6 anni l'Afghanistan sembra essere sempre lo stesso!
Da evidenziare che nel corso del 2010 son già 525 morti per le soli truppe occidentali, mentre nel solo 2009 i caduti si fermarono a 504.
Per l'Italia sono in totale 34 le vittime del nostro esercito da quando siam andati in Afghanistan.

Tanto valeva non intervenire militarmente in quel paese in modo da risparmiare miliardi di dollari di spese militari e migliaia di vite innocenti!

E se il motivo per cui si è voluti intervenire era quello di portare la pace e la democrazia...allora perchè non si interviene anche in Cina ... dove non vengono risconosciuti i diritti civili!
Dove i cittadini sono perseguiti se dimostrano di avere idee politiche diverse da quelle del regime!!
Dove la censura cinese è in grado di controllare tutti i media informativi (tv, stampa e web)!!
Dove Liu Xiaobo vincitore del Premio Nobel per la Pace 2010 non sa di aver ancora vinto in quanto è accusato di "incitamento alla sovversione del potere dello stato" e per questo processato e condannato ad 11 anni di carcere!!

Ora l'Onu e gli stati a cui hanno aderito a questa campagna militare in Afghanistan dovranno spiegare se è stato utile ed opportuno intervenire militarmente per "portare la pace e per annientare il terrorismo islamico"!
Perchè a me sembra che l'Onu, sotto la stretta regia della politica economica degli stati uniti e con un fantomatico pretesto islamofobico di combattere il terrorismo internazionale, abbia invece il fondamentale obiettivo di promuovere campagne militari in quei paesi ricchi di materie prime quali il petrolio in primis in modo da incentivare la colonizzazione delle potenti società petrolifere nella cosiddetta fase di "ricostruzione".

Nessun commento:

Posta un commento