Fabri Fibra in Vip In Trip, Controcultura (2010)

Più vuoi e meno avrai, più dai e meno prendi
Prima lo si impara, poi "Pa pa para para pa pa para"
Più sogni e meno fai, più fai e meno sogni
Prima lo si impara, poi "Pa pa para para pa pa para"
Rapper italiani che "Perepè qua qua, qua qua perepè"
Politici italiani che "Perepè qua qua, qua qua perepè"
________________________________________________________________

PROPOSTE di RIFORME STRUTTURALI per l'ITALIA

1) Legge contro i conflitti di interessi del Premier vs Riforma giustizia.

2) Legge Anticorruzione per garantire legalità in Parlamento vs Lodo Alfano.

3) Nuova Legge Elettorale e ritorno alle preferenze per la scelta dei candidati.

4) Incentivare le aziende a produrre in Italia invece di delocalizzare all'estero.

5) Incentivare gli investimenti esteri in Italia.

6) Banda Larga e Wifi Libero vs Grandi Opere (Tav e Ponte sullo stretto).

7) Ricerca e Incentivi pubblici per le Energie Rinnovabili vs Centrali nucleari.

8) Liberalizzazione effettiva dei servizi pubblici (trasporti, energie, telecomunicazioni, ecc..).

9) Maggiori contributi statali alle Università Pubbliche.

10) Creazione di Centri di Eccellenza per la Ricerca Scientifica di Base con incentivi per i finanziamenti privati.

_______________________________________________________________________________________

Il nostro bel paese!

Media largamente controllati dal nuovo Duce; magistratura sotto attacco; organi di garanzia, a cominciare dalla stessa Presidenza della Repubblica per passare dall'Agicom, intimiditi; università private di fondi e sottoposte a uno scandaloso bombardamento denigratorio ... le cupe prospettive di un paese sull'orlo della dittatura!!!
Questo NON è il quadro politico di un paese sudamericano, ma è la situazione attuale della nostra Italia!!!
Nel nostro bel paese si sta a poco consolidando un nuovo regime autoritario che si sta consolidando attraverso
il raggiugimento dei seguenti obiettivi:
1) la concentrazione del potere nelle mani di una sola personalità politica, cioè quella del premier;
2) la verticalizzazione del potere che si sta seminando anche per la stagione del post Berlusconi;
3) il lavoro che si sta compiendo per arrivare ad un Capo dello Stato eletto dal popolo e ad un Parlamento ratificatore dei voleri della maggioranza;
4) l'eliminazione dei contrappesi costituzionali;
5) continuo ricorso dal governo alla Fiducia per la votazione delle Leggi alla Camera e al Senato con la conseguente rinuncia al dibattito e al confronto parlamentare con l'opposizione
6) la distruzione dell'indipendenza della magistratura e la modifica della Corte costituzionale perché sia sempre più politicizzata, come del resto il Csm;
7) il controllo quasi integrale dei mezzi di comunicazione e applicazione della censura sui talk-show ritenuti "dannosi" per il premier.
8) privatizzazione di tutto ciò che è rimasto di pubblico: la difesa e la sicurezza del Paese, l'acqua, la protezione civile e soprattutto il saper.
______________________________________________________________________

giovedì 2 giugno 2011

Io vado a votare

Il 12 e il 13 giugno prossimi si va a votare per i referendum!!!
Io vado a votare perchè voglio un futuro migliore e attraverso il mio voto voglio dare il mio contributo che sarà espresso trami 4 SI!

Mancano solo 10 giorni e tutti noi avremo i diritto-dovere di poter decidere il nostro futuro senza che le scelte fondamentali della nostra vita come l'acqua pubblica, la costruzione delle centrali nucleari e le leggi ad personam del Premier Berlusconi vengano decise da poche persone colluse con le lobbies industriali e da politici corrotti che pensano solo ai propri interessi privati e NON AL BENE COMUNE di TUTTI NOI cittadini!!

Il problema ora è convincere tutti ad andare a votare per superare la soglia del 50% + 1 del quorum che rende valida la consultazione referendaria!
Per raggiungere questo traguardo è necessario diffondere il più possibile questo evento ... perchè nè il governo, nè le reti televisive principali, come Rai e Mediaset, stanno pubblicizzando a dovere il referendum considerando l'importanza dei temi a cui si è chiamati a dare il proprio voto!!!

In questa tornata referendaria i temi ai cui i cittadini sono chiamati a dare un proprio voto sono strettamente collegati alla vita di tutti i giorni: l'acqua pubblica, il rispetto dell'aria e della terra e la giustizia uguale per tutti i cittadini.

Quando andremo a votare ci daranno 4 schede ed il latinorum ke ci troveremo a leggere sarà praticamente politichese allo stadio più puro tanto che non si capirà niente di che cosa si debba votare.
I 4 referendum chiedono l'abrogazione di 4 leggi e per abrogarle basterà semplicemente barrare la casella SI su ciascuna scheda.
4 SI per scegliere un futuro migliore, più equo, più libero ed uguale per tutti!!!
La cancellazione di queste 4 leggi porrà seri dubbi al governo Berlusconi sul proprio operato relativamente all'attuale legislatura, infatti i temi referendari fanno riferimento proprio alla norme che sono state introdotte dal governo in carica!

Ma tutti noi cittadini non siamo chiamati alle urne per sostenere o sfiduciare il governo nè a dare un voto politico, NOI tutti ci dobbiamo convincere che il voto a cui TUTTI noi siamo chiamati va al di là degli schieramenti politici!
Le opinioni di voto dei leader politici o le indicazioni dei partiti valgono nulla perchè l'acqua pubblica, il nucleare e una giustizia uguale per tutti sono temi talmente importanti che riguardano la vita di tutti noi tutti i giorni!
Non deve esistere alcun tipo di condizionamento politico o di schieramento partitico nel voto del 12 e 13 giugno!!!

Io vi dico già che ho già deciso che cosa farò il 12 giugno: andrò a votare e darò 4 SI!!!
QUESITO N. 1: REFERENDUM ACQUA PUBBLICA per l'ABROGAZIONE AFFIDAMENTO SERVIZIO AD OPERATORI PRIVATI.
Si deve votare SÌ se si è contro la privatizzazione dell’acqua e contro la gestione dei servizi idrici da parte di pri­vati.
Voto SI per evitare che l'acqua pubblica venga gestita dalle imprese private.
VOTA SI perchè l'acqua è di tutti NOI!

QUESITO N. 2: REFERENDUM ACQUA PUBBLICA per l'ABROGAZIONE CALCOLO TARIFFA SECONDO LOGICHE DI “MERCATO”.
Si deve votare SÌ se si è contro la norma che permette il profitto (non il recupero dei costi di gestione e di investimento, ma il guadagno d’impresa) nell’erogazione del bene Acqua potabile.
Vota SI per non permettere a nessuno di guadagnare dall'acqua potabile.
Vota si perchè dall'acqua pubblica non si possano creare profitti, perchè l'acqua è il nostro bene comune!!!

QUE­SITO N. 3: REFERENDUM ENERGIA NUCLEARE.
Si deve votare SÌ se si è contro la costruzione di Centrali Nucleari in Italia.
Voto si per bloccare la costruzione di nuove centrali nucleari sul territorio italianio.
VOTA SI per il futuro dei tuoi figli!!!
Dopo il terremoto e il conseguente tsunami che si è verificato in Giappone è chiaro a tutti che l'energia nucleare non è una energia sicura, come invece ci vogliono far credere!!
L'energia nucleare ha un terribile e latente costo in termini di vite umane, di contaminazione della terra e di inquinamento dell'aria.
Basta un piccolo ed imprevedibile errore umano o un incalcolabile evento naturale per annientare per secoli intere generazioni umane e distretti territoriali.
Se il disastro di Chernobyl del 1986 non era bastato il Giappone nel 2011 ci ha ricordato la pericolosità delle centrali nucleari!!!
L'Europa ha già scelto di abbandonare la strada del nucleare perchè non è più considerata un'energia sicura, mentre gli italiani hanno in mano lo strumento referendario per difendersi
dalle conseguenza nefaste di vivere vicino alle centrali nucleari previste dal programma di governo di Berlusconi.

QUESITO N. 4: REFERENDUM LEGITTIMO IMPEDIMENTO.
Si deve votare SÌ se si è contrari al principio che Presidente del consiglio o ministro possano decidere di NON comparire in tribunale nei processi che li riguardano.
Voto SI per abrogare una legge ingiusta e classista creata al solo scopo di evitare a Berlusconi & C di essere processati!
L'articolo 3 della Costituzione Italiana prevede che "TUTTI i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali."
Sulla base di questa semplice e democratica norma e viste le numerosissime leggi Ad-Personam e i vari anticostituzionali Lodi che il presidente del consiglio Berlusconi si è cucito addosso per evitare di essere processato mi pare banale aggiungere che non ci deve essere alcun tipo di trattamento di favore per nessun individuo quando è chiamato a rispondere dei propri comportamenti di fronte alla legge e alla costituzione italiana ... a maggior ragione quando l'individuo in questione è il presidente del consiglio!!!

L'acqua pubblica, l'aria e la terra libere dal nucleare, la costituzione e le sue leggi sono TUTTI il NOSTRO BENE COMUNE: vota si si si si!

‎- 10 giorni al voto x i 4 referendum del 2011: 4 SI x iniziare un nuovo cammino fatto di uguaglianza, giustizia e rispetto x l'ambiente!!!